Chat with us, powered by LiveChat

L’Italia celebra i 500 anni dell’arrivo di Geraldini nella Repubblica Democratica del Congo

Celebrazione del “FERRAGOSTO ITALIANO” a Santo Domingo
29 Agosto, 2019
AVVISO PUBBLICO “Incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione in favore delle PMI” “VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE”
30 Agosto, 2019

L’Italia celebra i 500 anni dell’arrivo di Geraldini nella Repubblica Democratica del Congo

L’Italia non è solo la culla del Rinascimento, sulla nostra isola ha anche contribuito in molti aspetti, sia economici che sociali, oltre che religiosi. È proprio quest’ultimo aspetto della celebrazione quando il V Centenario dell’arrivo nella Repubblica Dominicana di Alessandro Geraldini, il primo vescovo di Santo Domingo e che diresse la costruzione della Cattedrale di Primada d’America.

Per offrire dettagli sull’agenda delle attività che include questo 500 ° anniversario, l’Ambasciatore Libero d’Italia Andrea Canepari, insieme ai membri della Camera di commercio domenicano-italiana Celso Marranzini, Angelo Viro e Salvador Figueroa, che sono stati ricevuti da Manuel Pellerano e Adriano Miguel Tejada.

“Alessandro Geraldini è stato un esempio dell’amicizia tra i due paesi. Era un umanista, il primo vescovo residente della Repubblica Dominicana, un grande intellettuale e il costruttore della Cattedrale. È una figura molto importante che aiuta a capire l’amicizia tra i due paesi. Credo che i membri della Camera di commercio domenicana-italiana siano anche costruttori di ponti vivi tra l’Italia e la Repubblica Dominicana ”, ha definito l’illustre vescovo l’ambasciatore Canepari.

Dal 17 settembre, le attività iniziano con la conferenza chiave “Alejandro Geral Dini de Amelia, primo vescovo nel Nuovo Mondo”, di Edoardo D’Angelo, nell’auditorium della Pontificia Università Cattolica Cattolica. Il calendario completo comprende una vasta serie di conferenze, masterclass, conservatori e workshop che dureranno fino al 21 settembre.

Lì avranno la presenza di studiosi italiani e dominicani, il primo al mondo alla presentazione dell’artista italiano Massimiliano Finazzer Flory con il dialogo tra Geraldini e il genio Leonardo da Vinci attraverso una lettura teatrale e la presentazione del lungometraggio “Ser Leonardo da Vinci “.

L’ambasciatore Canepari ha definito questa serie di attività come un evento culturale che continuerà a costruire ponti tra i due paesi e che consentirà alle relazioni tra le due nazioni di continuare a prosperare, sia socialmente che economicamente.

Celso Marranzini, presidente della Camera di commercio domenicano-italiana, ha sottolineato l’importanza dell’evento, elencando al contempo le opportunità che possono essere sviluppate tra le due nazioni.

“L’Italia ha oltre 60 milioni di abitanti e riceviamo solo 45 mila turisti, questa è un’area che ci manca in gran parte. La nostra bilancia commerciale è carente. Importiamo pochissimo e sicuramente esportiamo pochissimo, quando dovremmo trarre vantaggio da quel rapporto commerciale con l’Italia ”, ha affermato Marranzini.

I membri della Camera di commercio domenicano-italiana hanno messo in evidenza le virtù del paese come porto logistico, opportunità di esportazione ed esportazione e la loro ricerca di educare gli uomini d’affari di entrambe le nazioni sui prodotti che possono essere sfruttati.

L’ambasciatore Canepari ha confermato le informazioni dei membri della camera e ha sottolineato che esiste una cultura condivisa tra le due nazioni, ma che è sconosciuta a molti, poiché dall’arrivo del vescovo Geraldini che era un grande costruttore, entrambe le nazioni hanno condiviso molta storia e ora sperano di crearne di nuovi.

Comments are closed.